BERTONE: «VARESE, UN SOGNO CHE SI REALIZZA»

Proseguono le presentazioni in casa Pallacanestro Varese.
Questa mattina, presso gli uffici del partner biancorosso LASI, è stato il turno di Pablo Bertone che si è svelato alla stampa all’indomani del successo al Trofeo Lombardia contro Cantù.

Ecco le prime parole della guardia italo-argentina:

«Volevo ringraziare tutta la società che ha creduto in me dandomi l’opportunità di venire a giocare a Varese, piazza storica non solo a livello italiano, ma anche e soprattutto a livello mondiale. Essere qui è un sogno che coltivo fin dalla prima volta che misi piede al palazzetto di Masnago, quando ebbi la fortuna di assistere ad un allenamento della Pallacanestro Varese allenata da Ruben Magnano; ricordo che rimasi cosí affascinato dall’atmosfera che andai allo store a comprare una canotta che tutt’ora indosso quando mi alleno in Argentina da solo. Ecco perchè non ci ho pensato due volte quando si è creata la possibilità. Sono carico e non vedo l’ora che cominci la stagione. Il mio ruolo sarà quello di sostituire Avramovic partendo dalla panchina; credo, però, che con il doppio impegno campionato-coppa tutti noi avremo tanti minuti a disposizione nel corso dei quali avremo modo di metterci in evidenza. La strada è ancora lunga ma sono certo che possiamo fare bene; l’inizio è stato confortante se pensiamo alla vittoria di ieri nel derby contro Cantù. Lavoriamo per riuscire a raggiungere il livello dello scorso anno; per farlo dovremo seguire le indicazioni di coach Attilio Caja che ha un carattere forte, è vero, ma solo perché vuole che le cose vadano nel verso giusto».