BUSINESS DI SQUADRA, PANEL 4 – LE IMPRESSIONI DEI RELATORI

Durante il convegno organizzato all’interno di “Business di squadra. Matching del Consorzio Varese nel Cuore”, Luca Barni, direttore generale presso BCC, Paolo Orrigoni, presidente di Tigros SpA e Lorenzo Piccinotti, marketing manager – commercial products di Bridgestone Europe, nel Panel 4, hanno affrontato il tema “Il modello sportivo trasferito all’azienda”.

Luca Barni: «È stata una mattinata estremamente positiva nella quale sono state messe a confronto le esperienze di un team di pallacanestro con quelle di un team aziendale. È incredibile quanti parallelismi si possono fare tra due mondi che solo in apparenza sembrano totalmente differenti. Noi di BCC ci siamo trovati talmente tanto bene che non vediamo l’ora di rifarlo».

 Paolo Orrigoni: «Tigros è una realtà che ha la fortuna di lavorare in un mercato retail che è quello della distribuzione alimentare. Da parte nostra possiamo sostenere la squadra cercando di arrivare ai tifosi portando il nostro messaggio pubblicitario-aziendale e veicolando i valori, i progetti e le innovazioni che la nostra società sta facendo. Tutto questo in collaborazione con le attività vengono promosse e poi svolte dalla Pallacanestro Varese. Il prossimo anno ad esempio saremo sponsor principale del cubo che verrà installato all’interno del PALA2A e attraverso il quale veicoleremo la pubblicità e i messaggi valoriali legati a quello che stiamo facendo nel mondo dell’online».

 Lorenzo Piccinotti: «Abbiamo messo a confronto il mondo aziendale con quello sportivo trovando tante analogie a partire dal gioco di squadra, alla performance individuale e agli obiettivi. Ma nello specifico ci siamo focalizzati sulle performance e sulle persone parlando del modello del coaching che viene preso dal mondo dello sport e portato in azienda. Bridgestone Italia ad esempio ha utilizzato questo modello per il suo team dirigenziale. Il coach umanistico mette al centro la persona, analizza le sue potenzialità e infine le allena in modo tale da migliorarle per far sì che le performance siano sostenibili nel tempo e che ci sia quindi un bilanciamento tra la crescita personale, professionale e gli obiettivi aziendali».