ESORDIO COL BOTTO PER VARESE. BRESCIA CADE A MASNAGO

Buona la prima per la Pallacanestro Varese che apre il campionato 2018-2019 con un successo per 81 a 80 contro Brescia. Vittoria di carattere quella dei ragazzi di coach Caja in una partita estremamente equilibrata che i biancorossi hanno portato dalla loro grazie ad una prodezza di Moore (tripla clamorosa da lontanissimo) a 3″ dall’ultima sirena. Ma al di là della prova dei singoli (da segnalare un Avramovic da 30 punti e 6 assist), stupisce la prova corale dei varesini che non hanno mai mollato nemmeno nei momenti più delicati del match. La Openjobmetis tornerà in campo tra una settimana esatta quando, alle 12:00, sarà ospitata da Sassari.

Il match viene inaugurato dagli ospiti che sfruttano le ottime percentuali dalla distanza di Allen ed Abass per trovare subito il vantaggio (12-16). Tra i padroni di casa, ottimo l’impatto di Avramovic anche se, a dare la scossa dopo il timeout di coach Caja, sono Tambone e Ferrero, abili a ribaltare la situazione e a riportare la Openjobmetis in vantaggio (21-19). Brescia risponde con i canestri di Vitali e Laquintana che valgono il 21-22 del 10′.
Sacchetti e Moss aprono il secondo periodo con due “cesti” da sotto, ma a togliere le castagne dal fuoco è un clamoroso Aleksa Avramovic, che piazza altre due bombe consecutive per il nuovo vantaggio biancorosso sul +1 (29-28). Stavolta è coach Diana a chiamare timeout, ma la pausa non frena i biancorossi che dopo aver subíto i punti di Allen, tentano la fuga con Moore, Archie e Tambone che portano i loro sul momentaneo +7 (40-33), gap che Abass ed Allen dimezzano a metà gara: 43-41.

L’inizio di terzo quarto è di stampo bresciano grazie alle tre triple di fila di Hamilton ed Abass. La Openjobmetis prova a rispondere con Scrubb ed Avramovic, ma gli ospiti sono solidi in difesa e cinici in fase offensiva. Nonostante questo, la Germani non scappa e allora Varese ne approfitta nell’ultimo minuto del quarto grazie ad un parziale di 10 a 0 che riporta i biancorossi in avanti al 30′: 66-64.
Gli ultimi 10′ cominciano all’insegna di un equilibrio che dura fino alle due bombe consecutive di Ferrero e Scrubb che fanno esplodere gli oltre 4000 di Masnago e che valgono il temporaneo +5 (75-70). L’entusiasmo dura il tempo di un timeout, quello chiamato da Diana, che scuote i suoi ragazzi che tornano in campo con il fuoco negli occhi e trovano il nuovo pareggio a quota 75 con Moss ed Hamilton. Il match si blocca fino alla bomba di Allen che vale il +2 ospite (78-80). Coach Caja chiama timeout, ma l’incursione di Avramovic non entra; Brescia gestisce il pallone, Varese difende forte e vola in contropiede. Il cronometro corre, la palla arriva nelle mani di Moore che con 3″ ancora sul cronometro piazza la bomba che decide il match. La Enerxenia Arena è una bolgia e il tiro della disperazione di Vitali non arriva nemmeno al ferro.

IL TABELLINOLE PAROLE DI COACH CAJA