LA OPENJOBMETIS CEDE NEL DERBY CONTRO CANTÙ

La Pallacanestro Varese cede tra le mura amiche del PALA2A nel derby contro Cantù con il risultato di 92 a 82. Match equilibrato fino all’ultimo deciso dalla maggior freddezza degli ospiti nei minuti finali. I biancorossi torneranno in campo martedì 6 per il match di Champions League contro l’ASVEL Villeurbanne.

La partenza sprint della Openjobmetis (avanti con Maynor ed Anosike) viene subito annullata da Cantù che grazie ai canestri di Pilepic, Callahan e Darden si porta sul momentaneo 5-10. Varese riduce sul -1 ma gli ospiti scappano ancora sul +6 (15-21), gap che Maynor dimezza con una bomba precisa; la Red October non si lascia impressionare e torna a macinare punti chiudendo il primo quarto sul 28-20.
Cantù torna sul parquet ancora più carica e scappa sul +13 (25-38); a togliere le castagne dal fuoco è Avramovic anche se gli ospiti non demordono e, chiudendosi in difesa, tornano a colpire da ogni posizione i padroni di casa, che a 3′ dall’intervallo sono sul -19 (32-51). A metà partita il risultato è 38-58.

Gli ospiti si presentano sul parquet con un 4 a 0 che costringe Moretti ad un timeout immediato. Dopo il minuto di sospensione, la Openjobmetis si sblocca e accorcia sul -17 (46-63) grazie alle giocate di Maynor, Kangur e Pelle. Lo stop chiesto da coach Bolshakov non frena i biancorossi che presi per mano da un Maynor clamoroso si rifanno decisamente sotto toccando il -6 (61-67). Cantù si risveglia con la tripla di Pilepic che Bulleri annulla utilizzando la stessa moneta e scatenando un PALA2A che al 30′ festeggia il -2 (69-71) di Anosike.
Il solo Avramovic tiene in scia Varese dopo i canestri di Darden e Johnson in apertura di ultimo periodo. I 4 punti consecutivi di Waters rilanciano nuovamente in avanti la Red October che a 2′ dalla sirena finale è avanti di 7 punti (78-85) grazie alle giocate di JaJuan Johnson. Maynor ci prova, ma alla fine festeggia Cantù che la chiude sul +10 (82-92).

IL TABELLINOLE PAROLE DI COACH MORETTI