LA OPENJOBMETIS METTE LA QUINTA E SUPERA BRINDISI

Grandissima vittoria per la Pallacanestro Openjobmetis Varese che in occasione dell’ottava giornata di LBA supera tra le mura amiche della Enerxenia Arena la Happy Casa Brindisi con il risultato di 85 a 67. Partita ottima quella disputata dai biancorossi (al quinto successo in campionato) che, dopo un primo quarto superlativo, hanno tenuto botta al rientro degli ospiti nella seconda frazione, dilagato nuovamente nel terzo periodo e, infine, controllato il risultato negli ultimi 10′ di gioco. Massima fiducia dunque in vista del prossimo impegno (dopo la sosta delle Nazionali Varese scenderà sul parquet di Venezia domenica 9 dicembre) anche se saranno da valutare le condizioni di capitan Ferrero, uscito per infortunio nel corso del secondo quarto.

Dopo il canestro in apertura di Brown, la Openjobmetis prende in mano le redini del gioco spinta dai “cesti” di Moore, Scrubb ed Archie che piazzano il momentaneo 10-2. Frank Vitucci chiama timeout, ma i biancorossi, invece di rallentare, accelerano ulteriormente chiudendo al 10′ sul +12 (24-12).
L’avvio di secondo periodo è ancora nettamente a favore dei padroni di casa che, dopo aver subìto canestro da Gaffney (1/2 dalla lunetta), allargano il gap con Tambone, Ferrero ed Avramovic fino al 34-13. Vitucci ferma nuovamente il gioco; stavolta la strigliata produce gli effetti sperati, perché i suoi tornano in campo con un parziale di 11 a 2 che riporta sotto Brindisi che, a metà gara, è sul -7 (42-35).

Con Ferrero ai box per infortunio, il match riprende all’insegna dell’equilibrio grazie alle giocate di Banks e Chappell da una parte e Scrubb ed Archie dall’altra. La partita punto a punto si interrompe dopo metà tempo grazie alle giocate di uno scatenato Avramovic che, praticamente da solo, trascina i suoi sul 69-51 del 30′.
Dopo un inizio di stampo brindisino, Varese si ristabilisce e torna solida in difesa; un gioco da ragazzi per Cain e compagni chiudere il match, con il risultato che, al 40′, si fissa sul definitivo 85-67.

IL TABELLINOLE PAROLE DI COACH CAJA