OPENJOBMETIS INARRESTABILE. ESPUGNATA ANCHE BOLOGNA

Sesta vittoria consecutiva per la Openjobmetis Varese che prosegue il suo magico girone di ritorno (10 vittorie su 12 partite disputate) con il grandissimo successo odierno su Bologna, sconfitta tra le mura amiche del PalaDozza con il risultato di 71 a 69. Contro una Segafredo in difficoltà (assenti Alessandro Gentile e Michael Umeh) ma non per questo meno temibile, i biancorossi si sono resi protagonisti di una prova corale di sostanza ed efficacia (quattro i giocatori in doppia cifra) che le ha permesso prima di resistere agli attacchi dei padroni di casa e poi di sferrare la zampata decisiva che l’ha portata in vantaggio, mantenuto nei minuti finali con forza e coraggio. Con questa vittoria Ferrero e compagni (che torneranno in campo domenica 29 aprile alle ore 19:00 contro Brindisi) continuano la loro risalita in classifica superando proprio le Vu Nere e raggiungendo il sesto posto.

L’inizio è fin da subito equilibrato, con i padroni di casa che trovano la via del canestro esclusivamente con il duo Baldi Rossi-Aradori e gli ospiti che rispondono con Vene, Avramovic e Cain. Bastano un paio di giri a vuoto in attacco da parte dei biancorossi che la Virtus scappa (17-11 al 7′) costringendo coach Caja al timeout. Al rientro in campo, Cain e Dimša (al suo primo canestro varesino) sbloccano gli ospiti che, al 10′, sono ancora costretti ad inseguire: 22-18.
L’inizio di secondo quarto premia ancora Bologna che piazza un 4-0 (Lafayette e Lawson) che viene interrotto dopo quasi 4′ di gioco da un 2+1 di Avramovic, che timbra il momentaneo -5 (26-21), e dal “cesto” in transizione di Natali che piazza il -3 obbligando coach Ramagli al timeout. La breve pausa premia la Openjobmetis che trova il pareggio a quota 26 con Okoye, anche se la Segafredo risponde per le rime con Baldi Rossi, Slaughter ed Aradori che rilanciano i loro fino al 36-28 di metà gara.

Dopo 2′ di errori da una parte e dall’altra, Bologna sblocca il quarto con la tripla di Pajola, annullata poco dopo dalla bomba di Avramovic. Bologna non reagisce e allora la Openjobmetis ne approfitta con Larson che piazza tre triple consecutive che valgono il nuovo pareggio (43-43) e che fanno esplodere gli oltre 200 tifosi varesini presenti al PalaDozza. Stavolta la reazione dei padroni di casa è efficace e passa dalle mani di Ndoja, Slaughter ed Aradori che al 30′ firmano il temporaneo +5 (52-47).
Tambone inaugura il quarto finale con 5 punti consecutivi utili ad impattare a quota 52, mentre Okoye, dopo l’1/2 dalla lunetta di Lafayette, porta la Openjobmetis al primo vantaggio di serata, mantenuto subito dopo da Avramovic con la bomba del +2 (58-60). Il gap non cambia fino a 2’45” dall’ultima sirena, quando Okoye spezza l’equilibrio con la tripla che vale il +5 biancorosso (61-66). Dopo il preciso 2/2 di Cain ai liberi, Bologna si risveglia con Gentile (tripla) e Slaughter; è solo un’illusione per i bianconeri, perché Varese la chiude con freddezza e precisione dalla lunetta siglando il definitivo 69-71.

IL TABELLINOLE PAROLE DI COACH CAJA