STANLEY OKOYE, UN GRADITO RITORNO IN BIANCOROSSO

La Pallacanestro Openjobmetis Varese è felice di annunciare l’avvenuto ingaggio del giocatore Stanley Okoye che torna così a vestire la maglia di Varese a distanza di due anni dalla sua prima esperienza in biancorosso. Classe 1991, Okoye ha firmato un contratto di due anni che lo legherà al club di piazza Monte Grappa fino al termine della stagione sportiva 2018/2019. Ala americana con passaporto nigeriano, Okoye arriva alla Pallacanestro Varese dopo aver disputato un ottimo campionato in Serie A2 con la Pallacanestro Udine.

Attilio Caja, allenatore Pallacanestro Openjobmetis Varese: «Sono molto contento di poter allenare nuovamente Okoye. Si tratta di un giocatore che due anni fa, alla sua prima esperienza in un campionato di livello come la Serie A, aveva già messo in mostra qualità fisiche e umane non indifferenti unite ad una spiccata intelligenza cestistica e ad una grande attitudine al lavoro che ne fanno di lui un vero e proprio giocatore di squadra, sempre al servizio dei compagni. Con la maglia di Varese, partendo dalla panchina, aveva già dato sfoggio delle sue caratteristiche che, negli ultimi due anni trascorsi in A2, ha perfezionato e migliorato ulteriormente giocando da protagonista in squadre di valore dove ha avuto modo di accrescere la fiducia in se stesso. Si presenta a Varese con grandi motivazioni e con la voglia di affermarsi su un palcoscenico più grande. Ha fame e volontà di mettersi in gioco, qualità, queste, che stiamo cercando con insistenza da ogni giocatore che il prossimo anno indosserà la maglia biancorossa».

La Scheda:
Data di nascita: 10 aprile 1991
Luogo di nascita: Raleigh (North Carolina, USA)
Altezza: 198 cm
Ruolo: ala

La Carriera:
Okoye dimostra di essere un prospetto interessante già nei 4 anni di formazione alla Knightdale High School dove totalizza oltre 1.300 punti e 550 rimbalzi, secondo record di ogni epoca dell’istituto. Numeri importanti che conferma anche al college con la maglia del Virginia Military Institute. Nel 2009/2010 è il miglior marcatore freshmen della Big South Conference (14,2 punti, 6,6 rimbalzi e 1,5 stoppate) e viene inserito nel quintetto Big South All-Freshmen Team. L’anno successivo grazie ai 16,8 punti e 8 rimbalzi di media trascina i Keydets alla finale del campionato. Nel 2011/2012 migliora nuovamente le sue cifre (17,1 punti, 7,2 rimbalzi e 2 assist in 28 minuti) facendo ancor meglio l’anno seguente (21,5 punti, 9,4 rimbalzi, 2,6 assist con il 45% da 2 e il 35% da 3). Questi numeri gli valgono cinque premi di Player of the Week e il riconoscimento di giocatore dell’anno nella Big South Conference, unico nella storia del Big South Tournament ad avere raccolto oltre 2.000 punti in carriera (2.146), 900 rimbalzi (962) e 100 stoppate (103). Uscito dal college, dopo una breve parentesi in Grecia all’Irakos, gioca due partite nella seconda lega israeliana con la maglia del Maccabi Hod Hasharon per poi passare (ottobre 2013) nel massimo campionato con il Barak Netanya (8,5 punti, 7,2 rimbalzi e 1,2 stoppate in 23 minuti di media). Chiude infine la stagione in Australia con i Redbacks di Perth viaggiando a 28,4 punti, 11,3 rimbalzi, 1,8 assist con un high di 30 punti, 13 rimbalzi e 3 assist in 42 minuti nella partita d’esordio. Nel 2014/15 arriva la chiamata di Varese: in biancorosso totalizza 5,4 punti e 3,9 rimbalzi, in 15,7 minuti di impiego medio. L’anno successivo gioca a Matera per poi passare a Trapani. Nel corso della stagione 2016/2017 ha vestito la maglia di Udine (17,5 punti, 6,2 rimbalzi e 1,6 assist in 30,7 minuti di media).